Notizie e comunicati

#Appuntamenti   sabato 26 marzo 2016
YouAbroad Bowl: Che Spettacolo questi Giovani!

Youabroad Bowl
Quando allo stadio echeggiano gli inni nazionali, cantati a squarciagola, mano sul cuore, da tutti gli atleti in campo e da tutto il pubblico, lemozione ad Azzano San Paolo (BG) diventa palpabile e non risparmia nessuno. Italia contro Stati Uniti, Davide contro GoliaE questo che ci si aspetta, perch in Italia si sta lavorando tanto e bene con i giovani, ma gli Stati Uniti restano (per ora) di un livello irraggiungibile.

Il secondo appuntamento con il Team USA AFW Elite, dopo quello dello scorso anno, terminato con il roboante punteggio di 72 a 7 per la formazione a stelle e strisce, stato fortemente voluto da coach Paolo Borchini perch, malgrado lovvia disparit delle forze in gioco, lesperienza che pu regalare ai nostri giovani atleti incontrare dei pari et di scuola americana resta impagabile. Lobiettivo dichiarato resta quello di preparare la Nazionale U19 per gli importanti appuntamenti del 2017 e in questottica il coaching staff azzurro si sta muovendo, con raduni mirati a coinvolgere soprattutto i ragazzi nati nel 1998, 1999 e 2000. 

Levento, organizzato da FIDAF e #ASSOFOOTBALLin collaborazione con Dream Team Sports Tours, sponsorizzato da YouAbroad, ente specializzato nellofferta di percorsi formativi allestero, i Lions Bergamo, che hanno fornito il supporto logistico, e IFL Magazine che ha curato la diretta streaming attraverso il Canale del Football IFL Mag TV, non ha deluso le attese. Grande spettacolo, grande fair play in campo e fuori, ottima presenza di pubblico e qualche interessante spunto di gioco anche da parte italiana, soprattutto in difesa.  

La squadra americana, composta da giocatori provenienti da 18 Stati e 29 diverse High School, apparsa come sempre ottimamente preparata, con una buona fisicit e ottime doti atletiche. Padroni del campo in ogni reparto, hanno mostrato un attacco solido sia nei giochi di corsa che in quello aereo, alternando tutti i 33 giocatori a disposizione. Per lItalia coach Borchini ha convocato 48 atleti nati nel 1998 e 1999, provenienti da 19 diversi team, selezionati nel corso degli ultimi raduni azzurri. Il lavoro da fare ancora molto, soprattutto in attacco, dove le logiche e le dinamiche di gioco richiedono tempo per poter essere assimilate a dovere. Almeno 10 anni di football in meno nel bagaglio di esperienza rispetto ai ragazzi americani e per molti anche pochissima esperienza nel football a 11: basta questo per spiegare il 68 a 3 che il tabellone riporta a fine partita. Tanti i "rookie" in campo tra gli azzurri ma nessuna deferenza nei confronti dellavversario: grinta, cuore, passionelorgoglio di vestire la maglia azzurra pi forte di ogni timore. Ed lorgoglio che ha portato la squadra, a pochi secondi dal fischio finale, sotto di 68 punti, a mettere a segno i 3 punti che consentono allItalia di non chiudere la partita a 0: un field goal voluto e strappato con le unghie e con i denti e che ha fatto saltare in piedi tutto il pubblico presente!

Siamo abbastanza soddisfatti, commenta coach Borchini a fine partita. La squadra era pi giovane di quella dello scorso anno, ma qualcosa di buono si visto e alla fine siamo riusciti a segnare 3 punti. Vedremo di fare meglio il prossimo anno.
 
Sono molto orgoglioso di questa squadra. I ragazzi si sono incontrati solo domenica e in pochissimi giorni sono riusciti a mettere insieme un bel gioco. Ho vista molta concentrazione in campo e sono molto molto contento. Questa invece la dichiarazione dellHead Coach di AFW Elite, James Kenneth Barnes Jr.

Qualche giorno di pausa e poi sar di nuovo Football, con la ripresa di tutti i Campionati di I, II e III Divisione.